MONOCROMIA

monocromia_min

Accostare i colori richiede esperienza, buon gusto ed un pò di teoria. Ma la natura ci fornisce molto materiale di studio.
In essa troviamo già realizzati accordi e contrasti armoniosi, basta saperli leggere e studiare, accompagnando tutto ciò con un minimo di teoria.
MONOCROMIA. Accostiamo i fiori di una composizione scegliendo quelli di un unico colore e di unica specie. Tutte rose, tutte anthurium…

Oggi non si usa molto questo modo di comporre, tranne che per fasci ‘seri’ o per accompagnare tristi circostanze. Può essere una scelta sofisticata purchè non sia monotona.
C’è anche il pericolo che usando fiori di colore troppo intenso nella gamma del ‘caldo’ o del ‘freddo’, si può avere un effetto sgradevole.
Inoltre si deve considerare il suo posizionamento, inserire una monocromia in un ambiente che richiede altri colori è un errore.
Facciamo qualche esempio, il giallo e l’arancio, che portano note luminose, vanno inserite in ambienti scuri. Il rosso e il rosa, che catturano lo sguardo, vanno bene per mettere in evidenza scorci particolari dell’ambiente.
Il blu e il viola, colori freddi, rinfrescano e ammorbidiscono il contesto, buoni dunque per ambienti chiari, arredati con materiali moderni.
Il bianco assorbe luce che poi diffonde, buono dunque per ambienti angusti per aumentarne lo spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *